AQ Didattica

Ai fini della AQ Didattica, il PQA svolge le seguenti attività:

A) Organizzazione e verifica dell’aggiornamento delle informazioni contenute nelle SUA – CdS di ciascun Corso di Studio dell’Ateneo
La redazione delle schede SUA-CdS avviene in modo coordinato a livello di ateneo. La redazione avviene sotto la responsabilità del Coordinatore del Corso di Studio.
Il PQA:
– definisce le procedure e le scadenze, tenendo conto della tempistica richiesta dal Miur,
– cura la formazione del personale coinvolto, anche tramite la collaborazione dell’Ufficio Regolamenti didattici,
– collabora nell’individuazione dei dati necessari alla redazione delle Schede, in collaborazione con l’Ufficio Statistico di Ateneo e con l’Ufficio di Supporto del Nucleo,
– cura la diffusione dei dati necessari alla redazione delle Schede, anche attraverso il proprio sito,
– valuta la completezza delle schede SUA-CdS e formula delle indicazioni,
– supporta i corsi di studio, in prima battuta attraverso i suoi componenti delle specifiche macroaree.
Verifica L’analisi della completezza delle schede SUA CdS e la verifica dei dati contenuti nelle schede viene svolta a campione dal Presidio, anche utilizzando dati forniti dai Direttori di Dipartimento, dati raccolti attraverso procedure condivise e unificate. Ai sensi dell’Allegato A, c del DM 47/13, il Presidio verifica inoltre che i livelli di differenziazione dei corsi di studio, calcolati sulla base dei SSD obbligatori, siano coerenti con i limiti indicati dal citato Decreto.

B) Organizzazione e verifica dello svolgimento delle procedure di AQ per le attività didattiche
Nel rispetto della politica di Ateneo definita dal Senato Accademico, il PQA fornisce annualmente indicazioni per la AQ relativamente alle attività didattiche, proponendo criteri, modalità e finalità delle relative procedure. In base alle indicazioni fornite, il PQA verifica lo svolgimento delle procedure stesse.
Il PQA cura la verifica dei requisiti di efficienza e di efficacia per i CdS, dell’apprendimento degli studenti, la qualificazione e l’impegno del corpo docente, la presenza e la funzionalità delle strutture didattiche, dei servizi e della ricerca.
Il PQA può suggerire alcuni criteri e degli indicatori per la Valutazione periodica, in aggiunta a quelli indicati dall’ANVUR.
Nella fase attuale, la formazione del personale verrà curata come una attività essenziale.
Verifica Il PQA verifica l’avvenuta raccolta dei dati sopra indicati, analizza i dati raccolti e provvede alla loro diffusione presso i CdS.
In questa fase iniziale, non sono previsti audit, ma incontri con i coordinatori e i responsabili della qualità di ciascuna macroarea, ai fini di un coinvolgimento coordinato nelle procedure di AQ.
Il Nucleo di Valutazione controlla annualmente l’applicazione dei criteri e degli indicatori per la Valutazione periodica, verifica l’adeguatezza del processo di Autovalutazione.

C) Organizzazione e verifica dell’attività del Riesame dei Corsi di Studio
La redazione delle Schede di Riesame (annuale e/o ciclico) avviene in modo coordinato a livello di ateneo, con scadenze modellate a partire da quelle indicate a livello nazionale.
Gli indicatori da utilizzare nella redazione delle schede sono indicati dal Presidio, primariamente tra quelli individuati dall’ANVUR e con la possibilità utilizzarne altri, anche su raccomandazione da parte di Nucleo e Commissione Paritetica.
Il gruppo di Riesame verifica l’avvenuto raggiungimento degli obiettivi perseguiti o individua le eventuali motivazioni di un mancato o parziale raggiungimento.
Attraverso la relazione di Riesame, il CdS informa Nucleo di Valutazione e PQA.
Il PQA regola le attività periodiche di revisione, con cadenza annuale, assicurando il corretto flusso da e verso il Nucleo di Valutazione e la Commissione Paritetica.
Verifica Il contenuto, su un campione dei rapporti di riesame, viene analizzato dal Presidio, che verifica che i rapporti sono stati redatti in modo completo e utilizzati per identificare e rimuovere gli ostacoli al buon andamento delle attività di formazione; il Presidio Nucleo raccoglie il proprio parere e le proprie raccomandazioni in una relazione per il Nucleo. Il PQA cura una verifica a campione della compatibilità tra i dati indicati dall’Ufficio statistico e i dati riportatati nel rapporto. La formazione di personale competente a operare audit interni presso i CdS è una delle azioni che l’Ateneo dovrà intraprendere.

D) Organizzazione e verifica dei flussi informativi da e per il Nucleo di Valutazione e le Commissioni paritetiche docenti-studenti
Il PQA coordina la redazione e la raccolta delle relazioni stilate dalle Commissioni paritetiche. La relazione relativa alle schede SUA-CdS viene inviata per conoscenza al Nucleo di Valutazione.
Il PQA raccoglie pareri, indicazioni e raccomandazioni da parte delle Commissioni Paritetiche, curando la trasmissione al Nucleo di Valutazione.

E) Valutazione dell’efficacia degli interventi di miglioramento e delle loro effettive conseguenze
Il Nucleo di Valutazione e il PQA formulano raccomandazioni per il miglioramento delle metodologie interne di monitoraggio del raggiungimento degli obiettivi strategici programmati ogni triennio dai singoli atenei, volte a misurare, per ogni struttura, il grado di raggiungimento degli obiettivi nella didattica. In particolare, il Nucleo di Valutazione:
– valuta analiticamente i risultati ottenuti in rapporto a ogni singolo compito o attribuzione;
– verifica, altresì, la rispondenza agli indicatori di Accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione, e comunica tempestivamente a MIUR e ANVUR l’eventuale mancata rispondenza delle sedi o dei corsi agli indicatori di Accreditamento, mediante una relazione tecnica;
– redige su specifiche indicazioni dell’ANVUR la relazione annuale e le relazioni sui risultati dell’applicazione degli indicatori di Accreditamento.